Friulano DOC 2017 : Carattere sì, Spigoli no

Friulano DOC 2017 : Carattere sì, Spigoli no

Friulano 2017, facciamocela semplice!

In un mondo di proposte food e beverage sempre più ricercate e impossibili, dove i vini ormai sono blu, arancioni o inventati di sana pianta in cerca dell’effetto speciale, uno dei pochi porti sicuri rimasti si chiama Friulano. E’ inutile cercare di complicarlo, di renderlo sofisticato, di interpretarlo, di stratificarlo: con lui non funziona. La sua natura è di vino lineare, preciso, coerente, e nessuno meglio di lui porta nel bicchiere queste caratteristiche. Il Friulano Foffani 2017 DOC Friuli è splendidamente semplice e autentico. E semplicità e autenticità  funzionano sempre.

Il “Bianco” tradizionale del Friuli

Non per niente é il “bianco” tradizionale della terra friulana. Colore evidente: giallo paglierino e riflessi verdi appena accennati. Al naso fiori di campo, fieno, erba. Dritto al punto.
C’è quella falsa idea in giro, che “gli spigoli siano sinonimo di carattere”. Gli spigoli sono spigoli. Il carattere invece è essere asciutto e secco, e senza spigoli. Il Friulano è come è, e non lo puoi far diventare altro. E’  autentico: un ragazzo di campagna, robusto e ben piantato nella sua vita, sa chi è ed ha le idee chiare. La mandorla finale è inscindibile: la senti, è chiara, rimane un po’ e poi passa: sa quanto può restare per non disturbare, perché -tanto per parafrasare il ballo – dopo tre minuti anche una bella mandorla stufa 😉 .

Il Friulano 2017 sa benissimo quanto può restare prima di disturbare. E così te ne bevi un altro bicchiere, perché tanto lui mica disturba! E’ il perfetto “bianco da spuntino”: la frittata con le erbe è la fidanzata ideale. E poi il prosciutto di san daniele. E poi i tramezzini. Ma io ce lo vedo anche benissimo con una bella zuppa di patate, patate al forno, patate fritte. Si trova bene con piatti contadini e semplici, perché, appunto, è un tipo semplice. Evviva, evviva!

Previsioni del tempo… previsioni di abbinamenti

In estate io di solito aspetto la prima perturbazione, un giorno e mezzo di temperatura più fresca, e ne approfitto per una bella VELLUTATA DI PATATE. Facile e veloce, ecco la RICETTA!
Ingredienti: 600 gr patate, 350 di brodo, cipolla o porro, mezzo litro di latte, burro, parmigiano, olio quanto basta, sale e pepe a piacere.
Pelare le patate e tagliarle a pezzetti, tagliare la cipolla o il porro e metterli a soffriggere con l’olio, una volta appassito aggiungere le patate e lasciare insaporire. Aggiungere brodo, latte sale e pepe e far cuocere fino a che le patate sono ben morbide, farle a pezzi con una forchetta e poi con il frullatore a immersione rendere il tutto cremoso e omogeneo. Eventualmente aggiustare con un altro po’ di brodo se serve. Aggiungere il parmigiano e il burro e servire con crostini….. e Friulano Foffani, anche fresco di cantina va benissimo. Olé.  Sento già il profumino.

Fuori un bel temporale estivo, e la vellutata di patate va giù che è una bellezza. E non sarà un caso -vero?- che “vellutata di patate” faccia rima con “estate”?

 

Vai alla scheda tecnica del Friulano Foffani: clicca QUI

Se vuoi contattarci per venire ad assaggiare il Friulano Foffani 2017, clicca QUI

Ti aspettiamo, cin cin 😉 !!

 

Share