Sushi Time! Lezione Di Abbinamenti N.1

Sushi Time! Lezione Di Abbinamenti N.1

Come si sceglie il vino perfetto per il sushi?

Il Merlot Bianco si presenta fin dai suoi esordi come il compagno perfetto per un ottimo piatto di sushi. Ma perchè?

Numero uno: LA NICCHIA, ovvero il simile il simile attrae

Nelle nostre moderne tendenze enogastronomiche, il sushi è un cibo che ha un’aura fine e raffinata. E’ un cibo di nicchia, e nonostante la diffusione degli ultimi anni, resta per amatori. E’ evidente che se vogliamo fare un abbinamento adeguato anche il vino dovrà essere UN VINO DI NICCHIA.  Il Merlot Bianco ha le stesse valenze: fine, raffinato, di nicchia, un vino per chi ricerca il bianco non banale e non solito, esattamente come chi predilige il sushi alla pizza ricerca un cibo non banale e non solito.

Numero due: COLORE, PROFUMO E SAPORE
Diamo un’occhiata agli ingredienti tipici del sushi così come proposto nei nostri sushi restaurant occidentali: colori delicati, con appena qualche piccolo accento cromatico, prevale in riso, quindi il bianco. Profumo altrettanto delicato. Prevale questo riso con sapore molto delicato, appena zuccherato e salato, ed aromatizzato con aceto di riso e alga kombu. Se accompagnassimo con un vino bianco con forte personalità, nato magari in barrique o con contenuto alcolico superiore ai 13 gradi o proveniente da zona con forti caratteristiche di sapidità, andremmo ad annientare in un attimo la delicatezza di un normale sushi. Esclusi quindi anche vini aromatici e molto profumati. Abbiamo poi pesce crudo, senza condimenti particolari a parte la salsa di soia e la pasta di wasabi. Per un piatto del genere la caratteristica fondamentale del vino è l’equilibrio. Non è un risotto con soffritto, condimenti, spezie e parmigiano… e non è un pesce con salse saporite.  Il Merlot Bianco si sintonizza perfettamente con questo riso e questo pesce: il suo equilibrio è la chiave dell’abbinamento.

Numero tre: A QUALCUNO PIACE MAGRO!

Parliamo un attimo della totale pressoché totale assenza di grassi del sushi, per questo anche considerato un cibo particolarmente sano: il grasso di un piatto si bilancia con un vino dalla spiccata acidità, questo insegna il manuale del perfetto abbinatore.  E se il piatto non ha grassi? Consideriamo allora la “pastosità” del riso. Serve comunque qualcosa che aiuti a fluidificare la pastosità di un boccone di sushi. Fluidificare, non annientare. Fluidificare, e se possibile esaltare.  Serve un vino che non perda mai il proprio centro.

Un piatto di sushi si gioca sulla finezza dei dettagli: mai troppi, perchè l’equilibrio andrebbe a compromettersi. E il Merlot Bianco ha la stessa impostazione: equilibrio prima di tutto. Sushi e Merlot Bianco sono come una passeggiata su una corda sospesa: emozionante e indimenticabile poichè tutto è in equilibrio perfetto. Sono la dimostrazione che “dio li fa e li accompagna”: gemelli separati alla nascita, ma che ora possono riunirsi per la gioia del palato esigente.

Numero quattro: L’APOTEOSI

Se anche tu sei tra coloro che apprezzano un buon sushi ma non ti basta “abbinarlo in qualche modo” con tè verde al gelsomino o birra orientale perché sei alla ricerca di un’esperienza sensoriale che vada oltre …. qui hai le regole da seguire per fare del tuo sushi un momento di fusione enogastronomica fine, delicata e scintillante.  Non è fantasia, è da provare: Merlot Bianco 2016,  bello freddo e il tuo piatto di sushi. Come tutte le esperienze, vuole essere provata e non solo raccontata. Estate: it’s sushi time!

 

 

Vuoi assaggiare il Merlot Bianco? Vieni a trovarci o chiamaci, clicca QUI

Vuoi sapere di più sul Merlot Bianco? Clicca QUI

 

 

Share