SAUVIGNON FOFFANI 2016 E IL TARTUFO SOLITARIO

SAUVIGNON FOFFANI 2016 E IL TARTUFO SOLITARIO

C’era una volta un Tartufo tutto solo nel frigo

C’era una volta un Tartufo. Aveva alta autostima e conosceva bene il proprio valore. Aveva sentito la cifra mentre passava alla cassa del negozio di specialità alimentari.

No, questa non è la solita favola. E’ una storia vera, il Tartufo Solitario è veramente esistito, in un frigo di amici, in una cucina di una casa di un piccolo borgo in Umbria. E quando si dice Umbria, si dice TARTUFI!
Ma torniamo al Tartufo Solitario con alta autostima: se ne stava chiuso in un contenitore Tupperware azzurrino, tutto ben impacchettato perchè il suo speciale profumo non andasse disperso. Solo, dentro a un Tupperware: non era minimamente divertente. Figurarsi poi per un Tartufo con tutta quell’autostima. Egli pregava tutti i giorni: “Ti prego, Signore dei Tartufi, voglio finire la mia vita in un’esplosione di sapori, in un fuoco d’artificio di gusto e gioia, voglio rendere felici più persone possibili, ti prego Signore di Tartufi, non lasciarmi qui solo in questa scatola!”

Lui non lo sapeva, ma nella torrida estate del 2017 stava arrivando aiuto per lui, dal Nord: una persona, con l’auto carica di ottimo vino FOFFANI, stava affrontando tratti di strada con temperature fino a 43 gradi, diretta verso del borgo, e sì, addirittura verso quel frigo. Proprio quel frigo. Il vino era ben protetto nel bagagliaio, con l’aria condizionata a manetta.
Appena arrivata, un paio di bottiglie di Sauvignon 2016 finirono nel frigo… proprio in quel frigo. Il Tartufo sentì un brivido: che stava succedendo? forse che le sue preghiere al Signore di Tartufi erano state ascoltate? La sua Tartufanima seppe che c’era ancora SPERANZA.

dav

Tartufo, Fettuccine und Sauvignon Foffani

Nell’animata cucina era iniziata l’organizazione della cena: venne messa a bollire acqua, lo scalogno venne tagliato, il prezzemolo tritato finemente, e un sacco di ottimo olio d’oliva umbro venne versato in padella. L’aria era già piena di profumini appetitosi, quando una mano femminile tolse la scatola azzurrina dal frigo e la aprì. Sì. il Signore dei Tartufi aveva ascoltate le sue preghiere, eccome! IL MOMENTO ERA ARRIVATO!

Il Tartufo con alta autostima poté finalmente far sentire a tutti il proprio valore: gli umani presenti in cucina praticarono alcune inalazioni profonde e intonarono poi un concerto di “OOOOOhhh”, “Aaaahhhh” und “MMMMhhh” che durò per un pò.  Il Tartufo pensò che parlavano decisamente strano, tuttavia era già tanto felice.  Le fettuccine finirono nei piatti, ed egli venne grattugiato, espandendosi a dismisura nella cucina affollata. Egli aspettava l’esplosione di felicità, commenti, esclamazioni entusiasti.
Invece…. scese il silenzio. I bicchieri riempiti di Sauvignon bello freddo tintinnavano, venivano svuotati e riempiti, le mandibole masticavano e masticavano, e più di qualche sommesso “mmmmhhh” non si sentiva.

“Ehi!!!! ma… ma…..? Ma i miei fuochi d’artificio di sapori e delizia del palato…. dove sono? solo questo mormorio di mmmmhhhh e un lieve tintinnio…..? “
Il Tartufo ormai quasi finito ebbe un attimo di panico. In quel momento però uno dei commensali, probabilmente il padrone di casa, si alzò in piedi, e levando in alto il bicchiere, disse con aria seria: “Caro Tartufo Umbro, ti ringraziamo per questa esperienza. Grazie a te, ricorderemo a lungo questa cena. Perché non è stata una cena, ma un’esperienza paradisiaca. Alla tua salute!!!” Tutti gli altri commensali levarono i loro bicchieri….. e le ultime briciole di tartufo finalmente compresero.   

Tutto è bene ciò che finisce a fettuccine e tartufo

Il Signore dei Tartufi gli aveva riservato una vera a propria Ascensione, concedendogli di terminare la propria esistenza nel SACRO SILENZIO che si crea quando Fettuccine, Tartufo e Sauvignon SI INCONTRANO.  Egli era stato designato a portare un po’ di paradiso in terra a un piccolo gruppo di umani che se l’erano meritato.

Il Tartufo con alta autostima finì nel Paradiso dei Tartufi, portando con sé anche il Sauvignon Foffani.  Gli Umani indugiarono al tavolo ancora un po’ spazzolando anche le ultime briciole di tartufo dai piatti. Dopo un po’ decisero di aprire un’altra bottiglia di Sauvignon Foffani.

Tutto è bene, ciò che finisce a Fettuccine e Tartufo.

Vai alla Scheda Tecnica del Sauvignon QUI

Contatta Foffani QUI

sauvignon

 

Share